© 2018 by Caraibi in barca a vela charters

I nostri itinerari

Isole Grenadines

ITINERARIO VIAGGIO ISOLE GRENADINES

 

Le Marin Martinica imbarco in serata al porto di Marin, cena con gli equipaggi in uno degli innumerevoli ristorantini creoli del porto. 

Santa Lucia dopo avere provveduto all'approvvigionamento e alle formalità doganali si salpa alla volta della meravigliosa isola di Santa Lucia dove approderemo nella fantastica baia di Marigot Bay. Bagni, pranzo, snorkeling, ecc. 

Proseguiremo in direzione della baia di Les Pitons, uno dei luoghi più suggestivi di Santa Lucia nel pieno della foresta tropicale con montagne a picco sul mare dove trascorreremo la notte all’ancora.

Il giorno seguente si salpa in direzione Bequia con sosta in una baia dell’isola di Saint Vincent per il pranzo.  

Bequia: Trascorreremo la giornata a visitare Bequia. Quest'isola deliziosa, collinosa e verdeggiante è l'isola più grande delle Grenadine. Una volta le sue attività principali erano la costruzione delle navi e la caccia alle balene. 

Mayreau: Visita alla più bella delle isole appartenenti all'arcipelago delle Tobago Cays, Dalla collina che domina la baia potrete ammirare tutte le isole nel loro insieme, panorama mozzafiato! Ancoraggio a Saltwhistle baym reale spettacolo della Natura!

 

Tobago Cays:  Magico scenario delle Tobago Cays. Gruppo di isole disabitate, dichiarate parco nazionale. Molti le considerano le isole migliori della zona, per le belle barriere coralline e le acque turchesi. Le isole sono rocciose e punteggiate di cactus, delimitate da piccole baie e da spiagge di sabbia bianca e finissima. 

Palm Island – Petit Saint Vincent: Indescrivibili paesaggi marini. Spiagge bianche, mare cristallino. Bagni di sole. 

Union.  Vi immergerete in una forte atmosfera locale non ancora contaminata dal turismo dell’isola di Union. Percorrendo a piedi brevi tratti dal centro della città   si possono ammirare belle vedute dell’isola e delle isole vicine.  

Saint Vincent: centro commerciale e politico del paese, comprendente il 90% della superficie e della popolazione nazionali. L’isola vulcanica ha una vegetazione lussureggiante e le sue valli profonde sono coltivate a banane e cocco. La zona settentrionale, che comprende un terzo dell’isola, è dominata da un interno montuoso e la cima più alta è quella del vulcano attivo La Soufrière, con i suoi 1200 m di altitudine. 

 

Nella crociera di rientro si avrà modo di ammirare nuove baie non toccate durante il viaggio di andata. 
 

FINE CROCIERA Martinica – Le Marin  

P.S. 

L’itinerario potrà variare in qualsiasi momento su decisione  del capitano, in particolar modo a causa di avverse condizioni meteorologiche. 

 

 

Isole Leewards

 

1° Giorno 

arrivo alla Martinica del gruppo, imbarco al porto di Marin, cena al Mango Bay, covo dei velisti del porto.  

2° giorno    
A) VERSO NORD.  Finiti gli approvvigionamenti e le varie formalità doganali si salpa in direzione nord estremo della Martinica. Notte a Saint Pierre, ex capitale, la città più artistica. Eventuale visita al vulcano La Montagne Pelèe. Il costo e’ determinato dal numero dei partecipanti (divisione spese pulmino).L’escursione impegnerà l’intera giornata. 
Nel caso si dovesse salpare oltre la mattina ci si potrà fermare per la notte a metà della Martinica nella zona della baia di Fort de France, attuale capitale della Martinica, ricca di folcloristici mercati, zona costellata di magnifiche baiette come Anse Noir, Anse d'Arlet, una più bella dell'altra.

3° giorno 

Partenza alla volta della selvaggissima e montuosa isola della Dominica dove i fiumi scorrono vigorosi tra foreste rimaste intatte circondate da verdi colline La sua bellezza incomparabile ti farà rimanere senza fiato.
Possibili ormeggi per la notte da Sud a Nord:
Scotts Head: bellisimo ormeggio, riserva naturale, se non riuscite a prendere il gavitello la Guardia Costiera potrebbe impedervi di buttare l'ancora per non rovinare i fondali.
Roseau: meno suggestivo, ormeggio riparato.
Portsmouth: all'estremo nord consigliato nela caso siate avanti nella navigazione.

4°/5°/6°/7° giorno 

Arcipelago della GUADALUPA ( Maria Galante- Les Saintes - Petit Terre - La Desirade).
La GUADALUPA ha una doppia anima: tanto l'isola di Grande-Terre è turistica e marinara (si pratica surf, snorkeling e diving a volontà) quanto la Basse-Terre è selvaggia e montagnosa (da segnalare una foresta pluviale mozzafiato e la più grande cascata caraibica: Chutes du Carbet) . Nei dintorni è un proliferare di isolette allo stato naturale come Petit Terre Les Saintes, Marie-Galante (molto bella nel suo interno) e La Désirade.  

Alle Saintes, sempre a seconda del tempo a disposizione, è consigliato un giretto dell'isola con noleggio di motorini.

In Guadalupa è sconsigliato l'ormeggio e la conseguente dogana a Point a Pittre, sono molto fiscali e il posto è meno bello di altri. Consigliato fermarsi a Saint Francois, le più belle spiagge della Guadalupa. Bello anche il giro a terra. 

Da Basse Terre proseguiremo per Desahies in direzione di Antigua.

A seconda delle condizioni meteo e della voglia e abilità alla navigazione dell'equipaggio il comandante deciderà se proseguire per Antigua o rimanere nelle isole che circondano la Guadalupa.

 

8° giorno 

Antigua Antigua è famosa tra i naviganti per la sua incomparabile storia nautica. Le coste sono ideali per la navigazione con venti costanti e molte insenature da esplorare. Antigua è famosa per le sue 365 spiagge coralline, alcune ancora deserte, tutte aperte al pubblico.  
Ormeggi:
Nelson's Dockyard, forse uno dei più bei porti di tutti i Caraibi, o English Arbour con i suoi eleganti pontili in legno e circondato da graziosi Pub.

9° -10° giorno 

Barbuda  A giudizio insandacabile dello skipper si deciderà se proseguire per l'isola di Barbuda. Dista 3 ore di navigazione da Antigua è una delle poche isole rimaste intatte grazie anche all' istituzione qualche anno fa di un parco marino La maggior parte della popolazione dell'isola è costituita infatti dalle fregate che nidificano tra le mangrovie della laguna Le spiagge sono chilometriche e color rosa, a testimoniare la propria origine corallina. Le acque abbondano di pesci tropicali. Nella capitale Codrington il british style viene servito in salsa caraibica..

11°-12°-13°

giorno Rientro verso Martinica toccando le isole che non abbiamo visto nella andata   

14° giorno Martinica – Marin  

FINE CROCIERA

*L'itinerario può subire modifiche ad insindacabile giudizio dello skipper. 

Isole grenadies
 
Caraibi
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now